Formazione professionale


Per la crescita del capitale umano.

Lo stato del Bénin, nonostante i progressi degli ultimi anni, continua a figurare fra i Paesi in via di sviluppo. La principale forma di sostentamento è l’agricoltura. In questo contesto è stato realizzato un centro di formazione professionale, dove sono stati formati 140 agricoltori e giovani disoccupati in cerca di impiego, in prevalenza donne.

Fai una donazione


Dove e quando?

Bénin, Distretto Atlantique, Comune di Allada
2009 – 2013

Per chi?

140 agricoltori e giovani disoccupati in cerca di impiego, in prevalenza donne.

Con chi?

Regione Veneto
Fondazione Cariplo
Regione Lombardia
Comune di Milano


Contesto

In Bénin, solo il 33% dei giovani tra i 15 e i 35 riesce a trovare un lavoro retribuito, una fascia di età che rappresenta circa il 60% della popolazione; la condizione di sottoccupazione colpisce attualmente l’80 % della popolazione. Tale instabilità lavorativa e quindi di reddito ha portato a un aumento del tasso di povertà, passato dal 29% registrato nel 2002 al 35% sette anni dopo (UNDP, 2011).La formazione di capitale umano non è adeguata alle necessità dell’economia nazionale: ci sono più laureati rispetto ai posti disponibili come dirigenti e, nello stesso tempo, mancano figure professionali adatte a settori promettenti come agricoltura, allevamento, pesca, settore forestale, trasporti e comunicazioni. Anche dove esistenti, le scuole di formazione professionale sono di difficile accesso da parte dei giovani che vivono in zone rurali o in condizioni d’indigenza economica, in quanto le famiglie spesso non possono permettersi i costi di una scuola secondaria, circa 80.000 FCF / anno (120 euro) più le spese di trasporto dalle abitazioni al luogo di studio.

Attività

Presso il centro di produzione agricola denominato La Citadelle è stato creato un Centro di formazione per la realizzazione di corsi rivolti a donne e giovani agricoltori, per apprendere le tecniche di coltivazione e di allevamento più consone al territorio. Si è voluto così incoraggiare l’attività lavorativa imprenditoriale e promuovere un senso di consapevolezza delle proprie capacità e di fiducia nei propri mezzi. Si ritiene che tali competenze risultino spendibili quando, al termine del periodo di formazione, l’allevatore/agricoltore torna al villaggio di origine.Fino ad oggi sono stati organizzati 4 cicli di formazione, ogni ciclo composto da 150 giornate formative. Sono state tenute lezioni su attività agricole quali la coltivazione di palma da olio, manioca, orticoltura e pratiche agricole integrate, sull’allevamento di suini, aulacode, conigli, pulcini e pollame, sulla produzione agroalimentare. Oltre alle competenze specifiche di tecniche agronomiche, sono state anche trasmesse nozioni gestionali, per lo sviluppo delle capacità manageriali, per la negoziazione dei prezzi, l’esercizio della leadership e la gestione delle eventuali criticità.Il Centro è costituito da alloggi (capienza di 100 persone), un refettorio, una sala polivalente e un deposito. La formazione è stata effettuata da esperti del Centre Songhai e del Centre de Recherche pour la Promotion Agricole (CeRPA). La gestione è affidata all’Associazione partner AFA Bénin.

Perché esserci #1

Il grafico illustra l’andamento della forza lavoro totale. L’indice comprende tutte le persone che hanno una età superiore ai 15 anni e che rispettano la definizione di  “popolazione economicamente attiva” fornita dalla Labour Organization.

Fonte: International Labour Organization, Key Indicators of the Labour Market database

Perché esserci #2

Il grafico mostra l’andamento del tasso di partecipazione alla forza lavoro delle donne che hanno un’età superiore ai 15 anni.

Fonte: International Labour Organization, Key Indicators of the Labour Market database


Scopri la campagna “Io dico la mia”