Como gente grande


Alfabetizzazione e scuola primaria per i bambini di strada.

Nonostante il Brasile sia un paese a reddito medio, numerose sono le aree non sviluppate, tra queste le favelas e i quartieri sub-urbani, totalmente privi di servizi e infrastrutture. L’intero sistema educativo è vessato da carenze e diseguaglianze. Il progetto “Como Gente Grande” prevede la promozione di azioni che favoriscono l’accesso all’istruzione per bambini e ragazzi, al fine di combattere i fenomeni dell’analfabetismo, della criminalità, e dell’abbandono in strada.

Fai una donazione


Dove e quando?

Brasile, Salvador da Bahia, Favela di Valéria.
Dal 2007 ad oggi

Per chi?

150 bambini e adolescenti

Con chi?

Tavola Valdese
Fondazione Enel Cuore Onlus
Hope Onlus
Noemalife S.p.A.
Amplifon S.p.A.
Unione Samaritana Onlus


Contesto

A Valéria, quartiere sub-urbano a 13 km da Salvador da Bahia, con una popolazione di poco più 50.000 abitanti, la lotta per la sopravvivenza è costante. La criminalità infantile nelle periferie è molto diffusa ed è frequentemente legata al fatto che i bambini passano gran parte della loro giornata in strada. Il numero di adolescenti che muoiono in questa comunità è allarmante: si tratta di giovani che cadono nel traffico di droga con l’illusione di nuove possibilità per la loro vita. Tra i 15 e i 19 anni l’omicidio rappresenta il 30% delle cause di morte. Negli ultimi 13 anni a Salvador sono stati uccisi 1619 bambini (124 all’anno), quasi tutti di etnia afroamericana e provenienti dalle periferie. Fra i problemi sociali che affiggono la comunità sono particolarmente gravi quelli dell’abbandono scolastico e del lavoro minorile. I bambini cominciano molto presto a lavorare, generalmente nei piccoli mercati rionali o facendo gli aiutanti nelle officine e nelle lavanderie. La qualità della scuola pubblica di Bahia è considerata la peggiore dell’America Latina, oltre il 50% dei ragazzi e delle ragazze con più di 10 anni di età ha avuto un percorso di studi inferiore ai 3 anni. La qualità del servizio governativo è molto scadente, gli insegnanti sono mal pagati e le classi sono sovraffollate. Per questo motivo si sta assistendo all’apertura di molte scuole private che garantiscono un livello qualitativo più elevato, ma anche dei costi molto maggiori, fuori dalle possibilità della fascia più povera della popolazione.

Attività

Il progetto Como Gente Grande, avviato nel 2006 e volto a favorire l’accesso all’istruzione primaria e combattere il fenomeno dell’abbandono in strada, intende fare in modo che anche i bambini delle comunità più povere possano sviluppare le proprie conoscenze in condizioni di parità e nella consapevolezza del proprio ruolo sociale, favorendo così la loro partecipazione futura al miglioramento della qualità della vita e della società a cui appartengono.Nella favela di Valéria esiste una sola scuola, per questo i bambini, per accedervi, devono già sapere leggere e scrivere e passare una pre-selezione attuata dal governo allo scopo di diminuire il numero degli iscritti nelle scuole sovraffollate. Di fatto i bambini più poveri e figli di genitori analfabeti, sono esclusi e discriminati da questa politica.Project for People e il partner locale Lar Joana Angelica, accogliendo i bisogni e le richieste della comunità hanno costruito, equipaggiato e gestiscono due scuole primarie e di pre-alfabetizzazione per i bambini di strada, altrimenti destinati all’analfabetismo e ai traffici di droga e di armi.La positività dell’esperienza si è subito tradotta in un aumento del tasso di scolarizzazione tra i bambini della favela e, grazie alle attività di sensibilizzazione rivolte alle famiglie, si è assistito ad un aumento di consapevolezza nella comunità sull’importanza dell’istruzione come mezzo di sviluppo. La maggior parte dei bambini che frequentano la scuola sono sostenuti a distanza da donatori italiani.Le due strutture avviate forniscono inoltre numerosi servizi e attività extra-scolastiche di arte-educazione rivolte agli adolescenti con l’obiettivo di tenerli lontani dalla strada, farli crescere in un luogo sicuro, dove vengono promossi valori e principi sani e in cui possa essere valorizzato il contesto etnico-culturale di appartenenza.

Perché esserci #1

L’indice indica il numero di decessi avvenuti in un anno ogni mille persone.

Fonte: UNESCO Institute for Statistics 

Perché esserci #2

Il grafico illustra l’andamento della spesa pubblica per l’educazione come percentuale del prodotto interno lordo in uno specifico anno.

Fonte: United Nations Population Division, World Population Prospects.


Scopri la campagna “Io dico la mia”