Network & Awerness


Una rete di NGO per lo sviluppo locale.

In 22 anni di attività Project for People e il partner locale IIMC hanno ideato un modello di sviluppo sostenibile che integra i vari aspetti ed ambiti della vita nei contesti rurali: sanità, educazione, microcredito, women empowerment. Le condizioni di vita della popolazione delle comunità coinvolte sono in continuo miglioramento grazie al processo di auto-sviluppo innescato. Obiettivo è quello di replicare questo modello attraverso una rete sempre più ampia di associazioni satellite in tutto il territorio del West Bengal.

Fai una donazione


Dove e quando?

India, Bengala Occidentale
Distretto South 24 Perganas
2008 – 2009 Villaggi di Chakberia e Hogolkuria
2010 –2011 villaggi di Tegharia e Hogolkuria

Per chi?

50 ONG locali e la popolazione di oltre 50 villaggi

Con chi?

Fondazione Cariplo
Tavola Valdese
Regione Lombardia


Contesto

Se si escludono gli ambulatori avviati da Project for People, gli abitanti della zona rurale di intervento hanno scarso accesso a servizi sanitari, condizione questa che, insieme alla carenza di servizi igienici e di acqua potabile, contribuisce alla diffusione di malattie.Inoltre per migliorare le condizioni di salute della popolazione non bastano cure mediche: i grossi problemi sanitari della comunità derivano dall’assenza di educazione e, nello specifico, di scolarizzazione elementare. Nell’area, infatti, non sono presenti scuole pubbliche. Il tasso di alfabetismo e di scolarizzazione è bassissimo.Gli abitanti, non avendo reddito e non potendo offrire garanzie, non possono ricevere prestiti per avviare delle attività redditizie che diano sostentamento alle famiglie.Nello stato del West Bengal esistono diverse realtà di NGOs (Organizzazioni Non Governative) che cercano di intervenire per la risoluzione di questi problemi e in particolare sui temi della prevenzione e dell’igiene nei villaggi, ma si dimostrano spesso carenti di informazioni tecniche, personale professionale e struttura organizzativa interna efficiente. L’idea quindi di trasferire migliori contenuti, un metodo di lavoro e materiale a queste associazioni risponde al comune obiettivo di portare ai villaggi che ne risultano privi una prima assistenza sanitaria e scolarizzazione di base, presupposti indispensabili per acquisire la fiducia della popolazione locale, radicarsi nel territorio e promuovere uno sviluppo sostenibile.

Attività

Il programma, attraverso un trasferimento di know-how che coinvolge personale italiano e indiano, prevede la veicolazione di regole igienico-sanitarie di base al fine di educare la popolazione locale e sensibilizzare sull’importanza del ruolo degli operatori sanitari. La promozione dell’educazione e la sensibilizzazione della popolazione locale tramite la divulgazione di buone pratiche riguardanti l’igiene e l’alimentazione viene effettuata da Health Education Team appositamente costituiti, formati da donne locali che seguono corsi di formazione dedicati.Con la costruzione di scuole, laddove non presenti, vengono realizzati interventi di istruzione primaria e secondaria. Vengono coinvolte anche le madri con cicli settimanali di riunioni e lezioni per l’alfabetizzazione di base. A seguito delle carenze di educazione sanitaria e di cultura generale, si riscontrano problemi di carattere sociale ed economico.L’obiettivo è quindi quello di insegnare alla popolazione locale femminile, attraverso il programma di microcredito, come iniziare piccole attività remunerative quali la coltivazione e vendita di pesce, riso e verdure nei mercati, l’allevamento di polli o attività commerciali quali la realizzazione di piccoli negozi. Questo processo migliora la situazione economica e infonde fiducia, stima e consapevolezza nelle proprie capacità. Riscontrata la mancanza, all’interno della maggior parte dei villaggi, di “Community Center”, spazi comuni dove gli abitanti, in particolare le donne,  si possono ritrovare per trascorrere del tempo insieme parlando dei più svariati argomenti, il progetto prevede la costruzione di questi spazi fornendoli di televisione, radio, giornali e libri affinchè si possa sviluppare la comunicazione tra gli abitanti.Il programma NGO’s Network è partito nel giugno del 2000 ed oggi conta oltre 50 ONG coinvolte.

Perché esserci #1

Il grafico illustra il numero di bambine, in età scolastica, che non frequentano la scuola.

Fonte: UNESCO Institute for Statistics

Perché esserci #2

Il grafico mostra i dati relativi alla percentuale della popolazione che utilizza abitualmente impianti igienico-sanitario.

Fonte: WHO/UNICEF Joint Monitoring Programme (JMP) for Water Supply and Sanitation


Scopri la campagna “Io dico la mia”