Women Peace Council


Per la promozione dei diritti delle donne.

In India, il gender gap è ancora molto ampio, soprattutto nelle zone rurali del paese. Il progetto “Women Peace Council” sostiene il processo di empowerment femminile in ambito sociale, culturale ed intellettuale e incoraggia le donne  a opporsi a ogni forma di violenza e ingiustizia sociale e a lottare per la difesa dei propri diritti. Le beneficiarie del progetto sono 650 donne formanti i 62 Peace Councils creati dal 2010 ad oggi.

Fai una donazione


Dove e quando?

India – Bengala Occidentale
Distretto South 24 Perganas
2010 – oggi

Per chi?

650 donne delle aree rurali

Con chi?

Fondation Assistance Internationale


Contesto

All’interno del contesto economico e sociale rurale, le donne sono relegate in posizioni marginali: rappresentano uno dei gruppi sociali più esposti a rischio alimentare a causa di una costante privazione di cure mediche e di un apporto nutrizionale adeguato, anche durante i mesi della gravidanza e dell’allattamento; l’accesso alla formazione scolastica è per loro fortemente limitato, con circa il 51% delle famiglie nelle aree rurali senza una donna adulta alfabetizzata; la partecipazione al mercato del lavoro è variabile, con la peggiore performance, pari al 5,8 %, registrata proprio nel distretto di South 24 Parganas. Tale subordinazione determina anche una costante negazione alle donne di autonomia decisionale riguardo scelte sia familiari sia personali (per esempio sulla propria salute, sulla propria mobilità e sul matrimonio), causando forti restrizioni alla libertà di autodeterminazione dentro e fuori il nucleo familiare. Infine, nel West Bengal le violenze domestiche, sebbene raramente denunciate, rappresentano la tipologia di crimine maggiormente subita dalle donne e rappresentano un fenomeno rilevante, soprattutto nelle aree rurali. Il progetto del Women Peace Council, operante principalmente nell’area del distretto South 24 Parganas, nasce pertanto con l’obiettivo di incentivare e sostenere una profonda trasformazione nelle norme sociali che relegano le donne in una posizione di subordinazione nella famiglia, nella società e nel mondo del lavoro.

Attività

I Women Peace Council sono gruppi composti da circa 10 madri che si incontrano per due ore al giorno, presso stanze dedicate nelle scuole o presso case private, con una responsabile come facilitatrice, una presidente e una segretaria, elette dal gruppo. Durante tali incontri le donne discutono di argomenti diversi, dall’attualità alle problematiche della comunità. I WPC visitano poi le famiglie del villaggio per capire ed eventualmente intervenire nelle dispute locali. La risoluzione dei conflitti e l’assistenza, anche legale, alle donne che subiscono ingiustizie o violenze sono pertanto tra le più importanti attività dei gruppi, anche per creare la consapevolezza che lo sviluppo è possibile attraverso metodi non violenti ed educare le comunità circa i danni sociali generati dalla violenza. Le donne che fanno parte del progetto Women Peace Council sono state inizialmente selezionate tra le più meritevoli del programma di microcredito (Micro Credit Mohila Grameen Bank), avviato dal partner locale nel 1999 e supportato da Project for People. Esistono forti interconnessioni tra i due programmi, entrambi rivolti al rafforzamento del ruolo sociale della donna e caratterizzati dall’elemento di “empowerment femminile”. Una recente ricerca, condotta da una volontaria di Project for People, ha infatti dimostrato come l’appartenza ai gruppi WPC comporti migliori performance in ambito economico: le madri dei WPC hanno maggiori capacità di risparmio e minori richieste di ulteriori crediti, elementi riconosciuti in letteratura come indicatori di emancipazione femminile in contesti rurali. Essere componenti dei gruppi WPC significa veramente migliorare la propria percezione di sè e del proprio ruolo, in famiglia e nella comunità. Un altro esempio di impatto positivo è dato dalla richiesta, fatta dalle donne stesse, di poter ricevere una formazione in Primo Soccorso, per poter quindi essere di ulteriore aiuto alle famiglie nei villaggi. I corsi sono organizzati mensilmente, grazie anche ai volontari medici di Project for People.

Perché esserci #1

Il grafico indica l’andamento del tasso di partecipazione femminile alla forza lavoro. Si tratta della percentuale della popolazione femminile di età superiore ai 15 anni economicamente attiva.

Fonte: International Labour Organization

Perché esserci #2

Il grafico mostra la il rapporto fra le bambine e i bambini iscritti nelle scuole primarie e secondarie. L’indice include sia le iscrizioni presso le scuole pubbliche che quelle presso gli istituti privati.

Fonte: UNESCO Institute for Statistics


Scopri la campagna “Io dico la mia”